Home / Blog / Qual è la differenza tra Off-Roader e Overlander?

Qual è la differenza tra Off-Roader e Overlander?

Quando si allestisce un veicolo da viaggio spesso non è necessario esagerare in termini di preparazione off-road, anzi, di solito è anche meglio.

Il fuoristradista e il viaggiatore Overland spesso vengono considerati come sullo stesso profilo, tuttavia ci sono importanti distinzioni. Il fuoristradista usa il suo veicolo per scopi ricreativi, il suo mezzo è di solito molto modificato e solo raramente lo usa il suo mezzo tutti i giorni per andare a lavorare. A volte il Fuoristradista usa il suo mezzo per trascorrere le proprie vacanze su percorsi fuoristrada e in queste occasioni sporadiche lo utilizza come farebbe un viaggiatore Overland . La priorità del Fuoristradista è testare i limiti e la resistenza di se stesso e del suo veicolo in aree dove è necessario un 4×4 e nell’ambito di un viaggio di andata e ritorno di solito si dirige verso una destinazione avventurosa dove si affiderà al proprio veicolo per raggiungere luoghi remoti su terreni difficili. Dobbiamo dirlo, il fuoristradista ha i nervi d’acciaio.

L’obiettivo del viaggiatore Overland è invece muoversi su terreni molto mutevoli, testando il proprio coraggio, la propria intraprendenza, la propria resistenza e naturalmente anche l’affidabilità del veicolo. Tutto questo però avviene cercando di mantenere un certo livello di comfort e solitamente per un lungo periodo di tempo. Non tutti gli overlanders amano guidare fuori dai percorsi più battuti e molti non sfrutteranno mai le capacità fuoristrada dei propri veicoli. Non c’è nulla di sbagliato in tutto ciò, visto che al giorno d’oggi molti posti incredibili sono accessibili con qualsiasi banale vettura utilitaria. Un fuoristradista che intende diventare un viaggiatore a lungo termina dovrà quasi certamente adattare la propria mentalità nel rispetto delle esigenze di un viaggio overland.

In viaggio non è difficile incontrare persone che guidano veicoli altamente modificati da importante aziende che si occupano delle preparazioni dei più assurdi veicoli da competizione in fuoristrada, mezzi che sembrano più adatti ad uno sbarco sulla luna che ad un viaggio a lungo termine. Cruscotti pieni di pulsanti, luci lampeggianti in ogni dove, sospensioni altissime, gomme sovradimensionate, antenne poste un po’ ovunque, insomma veicoli su cui è rimasto davvero poco di originale. Oltretutto nella maggior parte dei casi si tratta di modifiche eseguite da aziende per conto di persone che magari hanno davvero avuto poco a che fare con il fuoristrada, e che quindi al primo problema non sanno dove mettere le mani. Quando incontriamo queste persone ci rendiamo conto di tutti i problemi che hanno avuto, con casi estremi che hanno richiesto l’invio di pezzi di ricambio dall’Europa o dal Nord America. Il problema era che sebbene il veicolo fosse progettato per essere altamente performante in fuori strada, era a tutti gli effetti inaffidabile a lungo termine.

Contrariamente alla credenza popolare, non c’è davvero bisogno di spendere migliaia di Euro al fine di avere a disposizione un veicolo che sembra pronto per partire per la Dakar. Avendo intenzione di viaggiare per il mondo qualsiasi veicolo può andare bene, ciò di cui avrete bisogno sarà principalmente l’affidabilità, e subito di seguito un buon allestimento adatto alle vostre esigenze. Lo sappiamo bene, se state leggendo questo articolo perché state pianificando il vostro viaggio Overland passerete innumerevoli ore sul web e verrete ammaliati da attrezzature che i più vi diranno indispensabili al vostro utilizzo. Visitando le fiere verrete quasi certamente acchiappati da venditori (generalmente vestiti in abiti in stile colonizzatore Sahariano) che forse una volta o due hanno utilizzato la loro “super” macchina per fare una vacanza che vorranno convincervi del fatto che non puoi neanche pensare all’idea di lasciare casa tua senza montare una barra di luminosa a led di due metri, sospensioni con rialzi da mezzo metro, un verricello da 9 tonnellate, un paraurti per uso gravoso, un sistema di cassetti modulare da 300 kg, pneumatici da big-foot, blocchi, riduttori, compressori, ecc. ecc. Tutto questo è davvero indispensabile se pianifichi di usare il veicolo per stupire i tuoi amici al bar sotto casa, o magari al raduno del fine settimana, ma forse non è così necessario quando hai intenzione di diventare un viaggiatore a lungo termine.

L’attenzione quando si modifica un veicolo per l’overlanding dovrebbe essere verso il comfort, l’allestimento della cellula abitativa e l’usabilità di tutti i giorni. Vorrai avere un luogo asciutto quando piove, ti piacerà restare al caldo quando nevica o ghiaccia, magari ti potrà servire un condizionatore  per affrontare i climi più caldi, ti servirà essere protetto dal vento e avere la possibilità di conservare e preparare il cibo in qualsiasi condizione climatica. Sarà fondamentale dormire bene la notte, essere protetto da insetti e avere un po’ di privacy quando parcheggi in aree affollate.

Ci è capitato di condividere l’accampamento con una coppia di proprietari di un fuoristrada che pareva pronto alla guerra nella giungla quando improvvisamente si è messo a piovere abbastanza forte. Terminata la pioggia, appena calato il buio, è iniziato a soffiare un vento forte durato tutta la notte. Il giorno dopo i ragazzi hanno lasciato velocemente l’accampamento decidendo di muoversi seguendo il meteo perché oltre ad essersi congelati non avevano neanche potuto far cena. Dovevano riaccendere velocemente la macchina perché dovevano ricaricale le batterie ausiliarie che si erano scaricate e quindi non potevano far funzionare il webasto. Il piccolo pannello solare montato sul tetto era davvero insignificante e inutile in giornate nuvolose. Se la stessa macchina fosse stata allestita pensando ad un viaggio rispetto ad una vacanza in off-road probabilmente la coppia non sarebbe dovuta fuggire…

Il nostro consiglio a chiunque stia pianificando un viaggio Overland a lungo termine è di considerare prima di tutto le caratteristiche del proprio allestimento, confrontandole attentamente con quelle che sono le esigenze dovute al proprio particolare stile di viaggio. Se il vostro obiettivo è andare verso percorsi duri come può essere una giungla da sfondare con il machete, allora avrete bisogno di un veicolo adatto. Se invece si preferisce una viaggio più tranquillo, con magari solo alcuni passaggi in fuoristrada e poco campeggio libero, allora avrete bisogno di qualcosa di diverso. Risparmierete un sacco di soldi investendo nel veicolo più adatto al vostro stile di viaggio. Come si scopre il proprio stile? Provate con un mezzo qualsiasi prima di iniziare a pensare ad un veicolo nuovo, l’ideale è noleggiarlo o farvelo prestare. Partite per un lungo viaggio, esplorate, incontrate altri viaggiatori e studiate i loro impianti. Solo allora saprete cosa è giusto per voi.

 

About smontic

Check Also

Viviamo da tre anni in un camper 4×4 ecco tutti i suoi segreti

Siamo entrati nel nostro terzo anno di vita in viaggio. Chi di voi ci segue …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *