Home / Blog / Gli itinerari che ispirano i più grandi viaggiatori

Gli itinerari che ispirano i più grandi viaggiatori

Molti viaggiatori non partono per una lunga avventura perché motivati dalla curiosità, dalla voglia di scoprire luoghi lontani, per toccare con mano culture o provare sulla propria pelle profumi e sapori di tradizioni diverse dalla propria. Molti lo fanno per qualcosa di più interiore, come ad esempio per assaporare il senso di libertà e di avventura che offre un viaggio percorso a bordo di un auto fuori moda. Queste persone, un po’ come noi, sono quasi distanti  dall’idea di vacanza, ovvero la classica decisione del luogo da visitare, l’organizzazione dettagliata, e il tipico biglietto aereo. Vero, a volte volare è veloce e comodo, ma chi è allettato dal viaggio è alla ricerca di qualcosa di più completo, che prevede anche il gusto di assaporare quello che c’è tra il punto di partenza e la destinazione (quando esiste). Piccole città, villaggi, panorami, storie, imprevisti e tanto altro si possono accumulare giorno dopo giorno a partire dal momento in cui si apre la porta di casa. Con questi concetti in mente abbiamo pensato di stilare una lista delle rotte, o itinerari, che spesso diventano la fonte di ispirazione per tanti viaggiatori. Alcune di queste sono famosissime, pronte ad evocare sensazioni epiche e avventurose, altre meno conosciute, più ricercate da chi è attirato dalla distanza dai luoghi comuni. Tutte sono rotte destinate a diventare l’esperienza che chiunque ricorderà per tutta la vita.

Premessa

Tutti questi itinerari devono essere visti come un filo conduttore, una traccia da seguire per scoprire non solo un percorso predefinito ma qualcosa che vi sta oltre. Inutile pensare di trarre qualcosa oltre qualche adesivo e qualche souvenir limitandosi a coprire in meno tempo possibile (o troppo poco tempo) itinerari così lunghi.

Route 66

Nota anche come US 66, è una storica e iconica strada americana. Sebbene la US 66 non esista più ufficialmente, la rotta originale è ancora in gran parte percorribile tramite strade statali e locali. La Rute 66 è una spina dorsale da seguire per apprezzare una parte interessante della cultura americana e non ultimo a lei dedicata ci sono tantissime manifestazioni, feste e raduni che si possono incontrare lungo la strada.

Trans-Canada

La Trans-Canada è una strada transcontinentale che attraversa tutte e dieci le province del Canada e data la vastità del paese risulta essere una delle più lunghe strade nazionali del mondo. Seguendo la Trans-Canada si attraversano molte città e luoghi di interesse quindi è fondamentale avere tanto tempo a disposizione nonché scegliere il periodo giusto per via del clima che può limitare fortemente.

Panamericana

Una serie di rotte ufficiali e non ufficiali via terra che congiungono l’Alaska all’Argentina. La Panamericana attraversa 14 paesi nelle Americhe e detiene il record per essere la strada più lunga del mondo. A metà della Panamericana, a Panama, si incontra il famoso Darien Gap (100 km), unico tratto che deve essere fatto con la barca.

La strada dei Gringo

Non è un sentiero ufficiale ma questo percorso fa riferimento alle aree visitate dagli Europei e dai Nord Americani in America centrale e meridionale.  I Gringos sarebbero gli stranieri, come giocosamente li chiamano gli abitanti di questi paesi.  Seguendo questo itinerario che va dal Centro al Sud America si possono apprezzar tantissime diversità culturali, nonché viste panoramiche famose in tutto il mondo.

Ferrovia transiberiana

Si tratta della linea ferroviaria più lunga del mondo, con una lunghezza di 9.300 km. La Transiberiana è spesso affiancata da strade asfaltate, quindi queste diventano il tracciato ideale per chi vuole seguire lo stesso itinerario della ferrovia scoprendo luoghi incredibilmente remoti. La ferrovia vera e propria si divide in tre linee diverse verso la fine, la Transiberiana che arriva a Vladivostok, la Trans-Mongola e la Trans-Manchuria. Tutti e tre gli itinerari sapranno affascinare il viaggiatore.

Capo Nord

Ci sono molte rotte per raggiungere Capo Nord, nonché molti luoghi da cui partire. Uno dei posti più caratteristici e famosi da cui partire è Gibilterra. Mettendo su Google maps la rotta in questione vengono indicate poche decine di ore di guida, nella realtà delle cose bisogna assicurarsi di avere parecchio tempo a disposizione per attraversare uno dei continenti più ricchi di storia e tradizioni del pianeta.

Il famoso sentiero degli Hippie

Una vecchia tradizione che arriva dagli anni ’60 che storicamente prevedeva la partenza dall’Inghilterra per terminare dopo mesi, o anni a Delhi. Anche qui le variazioni erano e sono tutt’oggi tantissime, tipicamente i luoghi che storicamente venivano toccati dagli Hippie erano Goa e Kathmandu. Oggi percorrere lo stesso itinerario può essere più difficile rispetto a quello che era negli anni ’60 e ’70, tuttavia il fascino rimane lo stesso.

Trans-Sahara

L’autostrada trans-sahariana è una delle reti stradali transnazionali più antiche e complete. Questo percorso tuttavia può essere estremamente difficoltoso da percorrere attualmente data la situazione in cui si trovano alcuni paesi centrali.

Cairo – Città del Capo

Partendo dal Cairo si può raggiungere Città del Capo attraverso quello che oggi è dichiaratamente il percorso più semplice per attraversare l’Africa. Alcune parti della strada sono sterrate, ma viceversa il resto è quasi tutto asfaltato. Si tratta di un viaggio che necessita di tanto tempo, sopratutto per quanto riguarda la preparazione  dei documenti e dei visti.

Australia: Highway 1

La Highway 1 è una rete di strade che aggira tutto il continente Australiano la cui lunghezza totale è di circa 14.500 km. Capite bene che si tratta della strada più lunga del mondo e che quindi necessita di tanto tempo per essere percorsa in modo completo.

Conclusione

Sicuramente ci sarebbero tante altri percorsi da segnalare, però questi riteniamo siano tra i più significativi. Leggere i racconti di altri viaggiatori che hanno percorso questi itinerari ci ha ispirato tantissimo, speriamo che questo articolo sia in grado di stimolare anche al vostra voglia di partire.

About smontic

Check Also

Il nostro camper è vecchio di 15 anni!!!!

Leggendo un po’ di articoli relativi al mercato dei camper in Europa ci siamo a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *