Home / Blog / Marocco, diamo un taglio ai luoghi comuni: alcuni fatti sconosciuti

Marocco, diamo un taglio ai luoghi comuni: alcuni fatti sconosciuti

Il Marocco è un paese che non tutti conoscono in prima persona e dobbiamo assolutamente dirlo, ci sono molte idee sbagliate al suo riguardo. Molte di queste derivano dal fatto che è un paese musulmano, religione che alimenta facilmente luoghi comuni e populismi. Il Marocco è uno dei paesi musulmani più liberali, dove potete crederci o no, si può bere una lattina di birra sotto il sole cocente in un giardino pieno di aranci. Abbiamo viaggiato tanto in Marocco, molto prima del nostro ultimo passaggio in occasione della partenza per il nostro giro del mondo. Dopo il nostro articolo che ha trattato i luoghi del Marocco da non perdere (leggi qui) ecco in questo alcuni fatti che – speriamo – cambieranno ciò che molti pensano di questo paese.

Alcuni scrittori famosi se ne sono innamorati

Dopo la seconda guerra mondiale il Marocco divenne una delle destinazioni scelte da tanti scrittori, molti dei quali Americani. William S. Burroughs ed altri hanno viaggiato in questo paese nordafricano per vivere la loro vita in un modo diverso come ha spiegato lo stesso Burroughs nel suo famoso libro il pranzo nudo.

I marocchini sono degli importanti scrittori di viaggio

Sì, davvero e non parliamo solo di storia recente. Nel 1300 dallo studioso islamico e viaggiatore marocchino Ibn Battuta ha viaggiato per circa 73.000 miglia in un periodo di 30 anni. Lo scrittore ha raccontato le sue avventure ed esperienze in un libro molto interessante intitolato guarda un po’ Rihla ovvero il viaggiatore.

I marocchini sono multilingue

Viaggiando nei luoghi più turistici se parli inglese, francese, spagnolo o arabo, non avrai nessun problema di comunicazione in Marocco. Il francese è conosciuto più come un linguaggio di prestigio dalla colonizzazione francese avvenuta all’inizio del 1900, mentre nel nord del Marocco gli spagnoli hanno preso il sopravvento e la gente ha imparato rapidamente la lingua. Nel 2002, il Marocco ha introdotto l’inglese in tutte le sue scuole, e l’arabo, ovviamente, è la lingua della gente, quindi sicuramente finirai per conversare con un marocchino e forse anche in lingue diverse. Viaggiando nei luoghi più remoti, come ad esempio sull’atlante invece potresti avere qualche difficoltà in più, però in questo caso potresti tu imparare qualche parola di Berbero.

Il venerdì è un giorno di festa

Venerdì i marocchini vanno di solito in moschea e un gran numero di negozi sono chiusi durante il pomeriggio. Dopo aver mangiato il cous cous per pranzo verso mezzogiorno, molte persone, soprattutto uomini, si dirigono verso la moschea locale per una lunga preghiera. La maggior parte delle persone è fuori per il resto della giornata.

Le persone non sono entusiaste quando gli viene scattata una foto senza chiedere il permesso

Potresti essere abituato a viaggiare in tutto il mondo e a scattare centinaia di fotografie di qualsiasi cosa, ma fai attenzione in Marocco, perché nella sua cultura la gente non ama le fotografie. Se vedi qualcosa che devi fotografare, chiedi prima il permesso, con tutta probabilità riceverai il consenso dopo una breve chiacchierata.

I marocchini preferiscono usare il pane piuttosto che le posate

Probabilmente hai sentito parlare delle famose tagine , ma ti sei mai chiesto come mangiarne uno? La risposta è con un pezzo di pane e la tua mano. Hai tagliato un pezzetto di pane, lo metti tra il pollice e due dita e sei pronto per affondare i denti nel boccone! Inoltre, se stai mangiando da un grande piatto con altre persone, è meglio rispettare la loro porzione di piatto, il che significa che dovresti mangiare solo ciò che hai di fronte lasciando la parte centrale per ultima.

Le persone sono estremamente gentili

Molte persone che si recano in Marocco si chiedono se questo sia un paese sicuro dove viaggiare e, anche se ci sono persone che cercheranno di truffarti o derubarti un po’ come in tutto il resto del mondo dovete sapere che il Marocco non è un paese con un alto tasso di criminalità. A parte questo, molti marocchini con cui interagirai saranno molto amichevoli, gentili e aperti, e potrebbero invitarti a rimanere a casa loro a preparare un piatto tradizionale. L’ospitalità è considerata una cosa molto importante ed è un atto che svolgono con molta passione.

L’alcol è costoso

Come paese musulmano, il Marocco non ha una grande produzione di alcol e quindi questo è molto costoso. Lo troverai principalmente in grandi supermercati come Carrefour o piccoli negozi dedicati all’alcool, dove sarà molto più economico che bere in bar o ristoranti, dato che i prezzi possono arrivare fino a 20 euro per un cocktail. Durante il Ramadan, tuttavia, l’alcol è quasi impossibile da trovare dato che viene tolto dagli scaffali per tutto il mese sacro.

La contrattazione è lo sport nazionale

O meglio, quasi. Non puoi entrare in un piccolo negozio e pagare il prezzo richiesto, perché non è così che funziona. Nella cultura marocchina, come molti anni fa, il venditore dice un prezzo elevato, perché si aspetta che tu contrasti, quindi non aver paura di farlo, perché probabilmente risparmierai più di quanto tu possa credere.

C’è un numero spropositato di arance

Ovunque camminiate in Marocco troverete aranci e arance che cadono sul pavimento, specialmente durante la primavera e nella parte meridionale del Marocco, come ad esempio a Marrakech. Una delle cose più tranquillizzanti da fare a Marrakech è passeggiare per le stradine con vegetazione, aranci e arance ovunque…. e quindi spremute!

Parlano a voce alta, ma non stanno litigando

Potresti aver sentito parlare i marocchini – sono rumorosi, e a volte il linguaggio si presenta aggressivo un po’ come se litigassero, ma è proprio così che parlano. Potresti assistere a vere discussioni durante il mese del Ramadan, perché tutti sono un po ‘più sensibili del solito a causa del fatto che stanno digiunando, ma gli argomenti non si intensificano per litigare o qualsiasi altro tipo di violenza fisica.

L’economia …

Non c’è molto lavoro in Marocco, come d’altronde un po’ in Europa, e se c’è, paga poco. Il Marocco ha un salario minimo di circa 300 Euro, la maggior parte dei lavori pagati meglio richiede almeno un diploma di laurea, il che significa molto in un paese in cui l’istruzione non è sviluppata al 100%.

Il cibo è delizioso

Ovunque tu vada, finirai per apprezzare almeno un piatto marocchino. Dai Cous Cous ai Tagine , c’è una grande varietà di piatti salati e dolci che soddisferanno qualsiasi palato!

Il deserto del Marocco non è solo sabbia, anzi…

I pensieri rivolti al Sahara, in questo caso quello Marocchino evocano immagini di infinite dune di sabbia. E sì, certamente ci sono le dune in Marocco e queste si trovano in due Erg, il Chebbi e il Chegaga. Tuttavia, in molti luoghi, la sabbia comprende solo uno strato sottile in cima a un substrato di ghiaia. In altri punti invece troviamo immense distese di ghiaia, rocce e laghi salati. Si stima che, nel complesso, il Sahara sia composto da solo il 20 percento di sabbia, mentre il restante 80 percento è roccia e ghiaia. Se parliamo del solo Marocco questa percentuale scende sotto il 5%.

About smontic

Check Also

Gli itinerari che ispirano i più grandi viaggiatori

Molti viaggiatori non partono per una lunga avventura perché motivati dalla curiosità, dalla voglia di …

3 comments

  1. Ciao sono Maurizio, vi seguo su Facebook e vi faccio i complimenti per ciò che state facendo. Questo articolo è molto interessante e colgo l’occasione per farti un paio di domande, se possibile:
    1) in Marocco gli animali da compagnia come cani e gatti sono ben visti o ci sono problemi di qualche tipo?
    2) come sono le strade? Andando con un camper “normale” (ho un Doral 114), sarei molto limitato?
    3) ci sono aree attrezzate con acqua, elettricità, etc?

    Grazie mille
    Maurizio

    • Ciao Maurizio, grazie per essere dei nostri.
      Si, assolutamente puoi portare i tuoi animali domestici in Marocco, sono ben accettati in tutti le aree attrezzate.
      Il Marocco, sopratutto nelle località più turistiche è un paese davvero ben servito da strutture per camperisti. I campeggi sono di tutti i livelli, alcuni molto migliori di quelli che si trovano in Italia. Il vantaggio è che i prezzi, anche dei camping più lussuosi con piscine e servizi europei, sono sempre molto economici.
      Le rete stradale è molto avanzata, e migliora di anno in anno. Questo significa che qualsiasi mezzo può arrivare ovunque senza problemi.

      • Grazie mille, sono belle notizie.
        Noi siamo alla prima esperienza, viviamo a Lanzarote ma sono quasi 2 anni che ci siamo messi in testa di iniziare questa avventura di vivere e viaggiare in camper. Lo so è avventato senza esperienza ma la cosa ci ha così preso che siamo disposti a correre il rischio, anche se siamo travolti da mille paure. Il Marocco ci affascina e pensiamo sia una buona meta per passare i mesi più freddi.
        Ah… complimenti per il vostro “camper”, se così possiamo chiamarlo 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *