Home / Blog / Panamericana del SUD: Come risparmiare i costi dei pedaggi stradali

Panamericana del SUD: Come risparmiare i costi dei pedaggi stradali

Viaggiare con un veicolo a motore sulle autostrade cilene è costoso e con un camion potrebbe esserlo anche di più. Gli amici di Santiago ci hanno detto che tutti i motorhome dovrebbero pagare la stessa cifra delle auto (meno della metá) ma spesso neanche ai caselli questa regola è del tutto conosciuta e ci siamo sentiti dire in un paio di occasioni “il vostro mezzo è troppo grande deve pagare come un camion”!

Nella foto sopra: Le deviazioni ci piacciono non solo perchè permettono di risparmiare, ma sopratutto perchè ci regalano paesaggi più belli e interessanti della solita linea di asfalto!

Ed ecco quindi che scatta l’ingegno…chiamiamolo “del viaggiatore con pochi soldi”.
Come prima opzione proviamo a cercare delle strade alternative, che solitamente ci piacciono anche molto di piú, e capiamo presto che non è cosí facile. Vicino alle aree piú popolate le strade secondarie passano all’interno dei paesi, spesso sono troppo strette e trafficate per le dimensioni del nostro Valentino e ci fanno sentire a disagio.
Fuori dai centri urbanizzati quasi sempre sono strade prive di asfalto o cemento (molto comune in Cile), il che non ci spaventa, ma anche queste possono essere veramente strette, passare in mezzo a boschi con rami bassi sulla carreggiata o con ponti di legno di incerta portata. Inoltre alcune zone sono collegate solo ed esclusivamente dalle autostrade. È quindi impensabile di viaggiare esclusivamente fuori dalle autopiste.

Nella foto sopra: deviazioni nei boschi in Chile, qui è facile trovare strade alternative adatte al nostro camion visto che i mezzi che devono recuperare i grossi tronchi tagliati non mancano.

Durante la consultazione delle le mappe, sia cartacee che elettroniche tipo GPS Garmin e applicazioni per cellulari e tablet come Maps.me che sono gratuite e dispongono della cartografia mondiale, ci accorgiamo che i punti di pedaggio sulle autostrade sono ben segnalati e a volte anche spesso bypassabili.
Nell’utilissima mappa cartacea stampata dalla compagnia dei distributori di carburante COPEC vediamo che nella legenda ci sono due tipi di casello di pedaggio, il “troncale” e il “laterale” cioè in uscita (solo raramente in entrata).

Nella foto sopra, la mappa della COPEC, l’azienda petrolifera di stato Chileno. Ad ogni distributore è possibile acquistare questa cartografia. 

Nella foto sopra: Identifichiamo i punti di pedaggio troncali e laterali, poi cerchiamo le vie di uscita non a pagamento.

Anche l’applicazione “maps.me” peró è aggiornata con tali informazioni, i pedaggi laterali sono facilmente evitabili perché anche a brevissima distanza alcune uscite si pagano altre no e noi ovviamente scegliamo quelle gratis! Non abbiamo realmente capito il motivo, che sicuramente ci sará ma non stiamo facendo i fuorilegge ve lo garantiamo.

I pedaggi troncali invece sono un po’ piú laboriosi da evitare , questi si trovano in mezzo all’autostrada occorre quindi cercare una uscita subito prima e una dopo con una strada alternativa che non costringa ad una deviazione troppo lunga (per non dover spendere in carburante quello che si è risparmiato al casello). A volte peró è davvero facile e ci rende molto felici, si deve solo disporre di tempo e gusto di avventura perché come dicevamo prima le deviazione sono quasi certamente sterrate.
Ecco due esempi di pedaggio troncale bypassabile

Questo articolo è dedicato a chi ci addita come come ‘fortunati milionari vincitori di lotterie’ che spendono e spandono soldi in giro per il mondo!

About smontic

Check Also

Come installare un impianto solare sul camper senza essere elettricisti

Come scegliere un sistema di pannelli solari per il camper senza essere un elettricista! Generare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *