Home / Blog / Ingresso del veicolo in Uruguay (Montevideo)

Ingresso del veicolo in Uruguay (Montevideo)

In questo articolo descriveremo la procedura che abbiamo seguito al fine di sdoganare il nostro veicolo una volta arrivato al porto di Montevideo. Questa procedura si applica nel caso il mezzo sia stato spedito come cargo e non come veicolo accompagnato durante la traghettata dall’Europa al Sud America. Per intenderci anche se abbiamo viaggiato insieme al nostro camion in realtà è come se lo avessimo spedito e noi fossimo arrivati in aereo.

Innanzitutto possiamo dire che la procedura da seguire è tutto sommato molto semplice, richiede circa un giorno di tempo e può essere eseguita da voi stessi senza bisogno di intermediari. Questo consente di risparmiare qualche soldo, visto che per arrivare fin qui fin ora non ne avete spesi pochi. Montevideo è una città piccola, fortunatamente tutti gli uffici coinvolti in questa procedura sono relativamente vicini tra loro, quindi non sarà necessario utilizzare mezzi di trasporto aggiuntivi oltre alle vostre gambe. Durante i vari passaggi per quanto ci riguarda abbiamo incontrato persone disponibili e simpatiche, conoscere qualche parola di Spagnolo può sicuramente aiutare, ma non è necessario.

Per iniziare di cosa avrete bisogno? Di un po’ di dollari americani in contanti, quanti a seconda del valore (poi vedremo) delle dimensioni e del peso del vostro veicolo. Indicativamente le cifre possono variare tra i 500$ per un piccolo VAN a 1300$ per un grande camion.
Se arrivate con degli Euro in tasca non ci saranno problemi visto che a Montevideo non mancano uffici di cambio e naturalmente sportelli automatici per il ritiro del contante. Per questi ultimi considerate che normalmente vengono addebitati 6$ per ogni transazione (oltre alle normali spese bancarie che dipendono dagli accordi con la vostra banca), indipendentemente dal valore della stessa.

Considerate che la procedura può essere completata solamente quando il vostro veicolo sarà arrivato in porto, non prima. Le navi cargo che effettuano questi tipi di trasporto spesso sono soggette a ritardi, quindi non è improbabile che voi vi troviate con qualche giorno di anticipo a Montevideo. Viceversa cercate di non arrivare troppo in ritardo rispetto al vostro veicolo, dato che potrebbero esservi addebitati costi aggiuntivi per il deposito temporaneo.

Step 1 – Ufficio immigrazione
Con i soldi in tasca potrete iniziare la procedura recandovi nel primo ufficio (l’unico dove potrete recarvi anche prima che il vostro veicolo sia arrivato in Uruguay), ovvero l’ufficio immigrazione chiamato “Direccion Nacional de Migracion“. Questo ufficio si trova in Avenida Missiones 1513 e qui dovrete richiedere il Certificado de LLEGADA, ovvero un documento che attesta la vostra presenza nel paese in modo temporaneo. Per richiederlo sarà sufficiente presentare il vostro passaporto.

Quando avrete consegnato i documenti presso le scrivanie che si trovano alla sinistra dell’ingresso dovrete attendere che venga chiamato il vostro nome. Il costo di questo documento è di 200 Pesos Uruguayani e il pagamento si effettua alla cassa, dove vi verrà rilasciato anche il certificato. Il tempo necessario sarà di circa un ora.

Step 2 – Arrivo della nave
A questo punto dovrete attendere l’arrivo della nave, che nel nostro caso era Grimaldi. Per conoscere la sua posizione, e quindi avere informazioni aggiornate senza telefonare ogni giorno all’armatore, potrete consultare il sito www.marinetraffic.com . Su questo sito potrete ricercare la vostra nave conoscendone solo il nome. Quando la nave sarà in porto potrete andare a vedere le procedure di sbarco, e magari vedere scendere il vostro veicolo.

Step 3 – Ufficio spedizioniere
A questo punto dovrete recarvi presso l’ufficio dell’agente del vostro spedizioniere, nel nostro caso Grimaldi utilizza KMA Uruguay che si trova in 25 de Mayo 713. Il numero di telefono dell’agenzia è 29091412 e lavorano da Lunedì a Venerdì dalle 9:00 alle 17:00. I documenti che dovrete avere con voi da questo momento in avanti sono i seguenti:

1) Passaporto
2) Documenti del veicolo
3) Bill of landing (originale)
4) Certificado de LLegado
5) Assicurazione per il veicolo (meglio se con copertura per tutto gli stati del MERCOSUR)

Presso l’ufficio dello spedizioniere dovrete pagare le spese portuali, queste dipendono dai dati dichiarati prima della spedizione, ovvero dimensioni e peso. Considerate che un Wolkswagen T4 pagherà circa 600$ mentre il nostro camion ne ha pagati 1100$. Nel caso non abbiate in mano la Bill of Landing originale potrà essere stampata nell’ufficio dello spedizioniere ad un costo aggiuntivo di 55$. Lo spedizioniere, dopo aver incassato, apporrà un timbro sulla vostra Bill of Landing e quindi sarete pronti per la prossima fase della procedura.

Allo spedizioniere dovrete anche chiedere in quale deposito è stato parcheggiato il vostro veicolo dato che ve ne sono diversi. Il nostro era quello della ditta Rilcomar, che si trova proprio davanti all’ingresso.
Allo spedizioniere dovrete anche richiedere lo Stock Number della vostra merce (Veicolo), questo è un numero identificativo che viene rilasciato dall’agenzia di deposito (nel nostro caso Rilcomar) quando riceve la merce. Tenete in considerazione che ci vuole un po’ di tempo affinchè i vari enti coinvolti processino la merce, quindi non procedete con lo Step succesivo se non siete certi di avere questo numero in mano, altrimenti dovrete comunque attendere.

Step 4 – Ufficio dogana Montevideo
Con i documenti precedentemente elencati e delle fotocopie del passaporto, del libretto del veicolo e dell’assicurazione, potrete recarvi all’ufficio Direction Nacional del Aduanas che si trova proprio davanti all’ingresso del Buquebus terminal (Guardando l’ingresso principale dalla strada questo si trova sulla sinistra) in Rambla 25 do Agosto. Qui dovrete iniziare la procedura di sdoganamento vera e propria consegnando all’impiegato i seguenti documenti:

1) Certificado del LLegado
2) Copia del libretto
3) Copia del passaporto
4)Copia dell’assicurazione MERCOSUR
5) Bill of Landing
6) Nome del deposito
7) Stock Number

L’impiegato vi farà riempire un foglio con i vostri dati dopodichè immetterà tutto al computer e quindi vi chiederà di attendere un po’ (nel nostro caso circa 30 minuti). Quando verrete chiamati l’impiegato vi consegnerà un foglio “comprobante de envio” che al’interno contenente un numero identificativo che sarà necessario per eseguire lo Step successivo e l’indicazione “Etapa ELEVAR“.

Step 5 – Ufficio Amministrazione Nazionale dei porti
Ottenuto il “numero” potrete recarvi all’ufficio Administracion Nacional de Puertos chiamato anche ANP che si trova dall’altra parte della strada rispetto alla dogana dove siete appena stati. Questo è un grosso edificio con imponenti colonne esterne dove sarete tenuti a pagare le tasse doganali vere e proprie. Appena entrati nell’edificio dovrete recarvi all’ufficio numero 4 che si trova sulla destra in fondo alla sala principale.
L’impiegato vi chiederà il foglio che vi ha rilasciato la dogana “comprobante de envio” che appunto contiene il “numero” identificativo della vostra pratica di sdoganamento. A questo punto vi chiederà il valore del vostro veicolo, che sarà uno dei parametri fondamentali per il calcolo delle tasse insieme al suo peso. Lo stesso impiegato ci dice di sottostimare in modo importante il valore, così noi dichiariamo 1500$. Tenete poi presente che il peso dichiarato del nostro veicolo è di 12 Tonnellate.
L’impiegato vi chiederà a questo punto di recarvi alla cassa per effetuare il pagamento, dove noi ci troviamo a pagare 170$.
Per farvi degli esempi pratici di altri importi/pesi potete tenere in considerazione che un camion del valore di circa 15000$ e del peso di 7.5 tonnellate avrebbe pagato 700$, mentre una vettura del valore di 2000$ avrebbe pagato 100$, un Land Rover Defender da 7500$ avrebbe pagato 500$.

Terminato il pagamento potrete procedere con lo Step successivo.

Step 6 – Ufficio Dogana Buquebus terminal

A questo punto dovrete recarvi all’ufficio della dogana che si trova al terminal passeggeri Buquebus.
Presso questo terminal vengono ricevuti i passeggeri che vanno e vengono dall’Argentina e che utilizzano il traghetto Buquebus su cui possono essere anche caricati autoveicoli, per questo motivo si tratta di uno scalo internazionale con dogana.
Entrati nel “Salon de pasajeros” dovrete suonare il campanello (timbre) che si trova a fianco della piccola porta in fondo a destra rispetto all’ingresso (proprio sotto alla balconata).
Qui verrete ricevuti da un impiegato che vi accompagnerà all’interno dell’area Duty Free, dove si trova l’ufficio vero e proprio. In questo locale dovrà essere inizialmente processato un documento attestante l’ingresso nel paese del vostro veicolo. L’impiegato inserirà i vostri dati a terminale, dopodichè vi chiederà di tornare all’ufficio doganale che si trova all’ingresso del porto, quello dove siete stati allo Step 4. Per completare questo passaggio sarà necessaria almeno un’altra ora, considerando che gli impiegati non sempre sono disponibili e che è possibile che siano impegnati a fare altro.

Step 7 – Ufficio dogana Montevideo
Tornate nello stabile dove siste stati precedentemente, andate nello stesso ufficio e qui quando vi vedranno tornare vi indicheranno una nuova scrivania presso cui recarvi. Entrati nella nuova stanza, situata nello stesso corridoio, vi sarà nuovamente processata la documentazione elettronica, in questo caso vi verrà rilasciato un nuovo foglio “Comprobante del Envio” questa volta con la dicitura “Etapa TRAMITAR”.

Step 8 – Deposito
Questa fase è forse la più emozionante perchè innanzitutto vi farà ritrovare fisicamente il vostro veicolo, dopodichè perchè lo dovrete mettere in moto per la prima volta dopo tanto tempo. Prima di partire però dovrete entrare nell’ufficio competente per il vostro deposito, che nel nostro caso ricordo era Rilcomar e consegnare i documenti che avete ottenuto fin ora. la procedura in questo caso è semplicissima, l’impiegato prende visione dei vostri documenti dopodichè vi consegna la chiave della vostra vettura. Vi verrà consegnata una ricevuta indicante il giorno e l’orario di presa in consegna della vettura su cui dovrete apporre una firma, fatto questo siete liberi di lasciare il deposito e recarvi nuovamente, questa volta con il veicolo, al “Salon de pasajeros” che avete già visitato allo Step 6.

Step 9 – Ufficio Dogana Buquebus terminal
Parcheggiate la vettura all’interno dell’area apposita davanti al terminal (non dovrete pagare il ticket) e recatevi con i documenti presso la piccola porta all’interno dell’edificio. Suonate e attendete che qualcuno venga a prendervi per proseguire con la pratica doganale.
La procedura richiede che venga verificata fisicamente la corrispondenza dei dati del veicolo con quanto effettivamente apposto sullo stesso, ovvero targa e numero di telaio, per quanto ci riguarda è stata solo controllata la presenza della targa da una distanza neanche tanto prossima.
Tornati nell’ufficio che si trova dietro all’area Duty Free vi verranno chiesti i dati del veicolo al fine di ottenere il permesso temporaneo di circolazione per lo stesso. Il documento che dovrete ottenere si chiama “Salida Temporaria de Vehiculos” ed avrà una durata totale di un anno. Prestate molta attenzione durante la fase di inserimento dati in modo che non risultino errori in questo importante documento che vi consentirà la circolazione in Uruguay.
Ricordatevi inoltre che anche in questa fase vi sarà richiesto di mostrare l’attestato di assicurazione per il veicolo.

Step 10 – Uscita dal porto
Terminata la fase burocratica non vi resta che uscire dal porto, ma a seconda dell’orario potreste decidere di rimanere all’interno, dormire e uscire il giorno successivo come fatto da noi. Non potrete restare all’interno del parking Buquebus oltre le 19:30, ma potrete parcheggiare in tutta sicurezza appena fuori dal recinto proprio sotto al palazzo della dogana.

L’uscita prevede il passaggio presso una specie di casello autostradale, qui all’interno di un piccolo ufficio troverete una guardia che con tutta probabilità vi lascerà passare senza chiedere nessun documento come successo a noi.

About smontic

Check Also

pulizia-pannelli.jpg

Energia solare per essere indipendenti

L’energia solare ricopre un ruolo fondamentale all’interno del nostro veicolo e decisamente non potremmo fare …

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *